Business
comments 2

Network Marketing: 4 regole di time management

Il tempo è una risorsa fondamentale, qualunque lavoro si svolga.

Chi ha un lavoro da dipendente oppure possiede una propria azienda o un’attività commerciale si trova a dover rispettare scadenze e orari prestabiliti: date di consegna, orari di apertura e chiusura ufficio/negozio, date e orari di riunioni. Stessa cosa vale, più o meno, per i freelance: anche i liberi professionisti sono vincolati dalle scadenze accordate con committenti e clienti.

Anche se sembra un paradosso, la situazione è più complicata per noi network marketer che dobbiamo autogestirci al 100%.Per 14 anni ho lavorato come traduttrice, freelance e in-house, e nonostante amassi il mio lavoro mi pesava molto dover gestire il mio tempo in base alle esigenze, e a volte anche ai capricci, di superiori e clienti. Quando ho finalmente deciso di dedicarmi al network marketing a pieno regime, l’opportunità di essere completamente svincolata dalle logiche temporali di altre persone per me era aria pura da respirare a pieni polmoni. Eppure, man mano che passavano i mesi mi rendevo conto che i risultati erano scarsi in confronto a quanto mi davo da fare.

A nulla servivano i rimbrotti e il fiato sul collo dello sponsor che, oltre al nervosismo provocato erano anche controproducenti. A 40 anni suonati e con una carriera precedente in cui hai ottenuto diversi successi professionali e personali non fa affatto piacere essere definiti inconcludenti dalla persona che lavora a stretto contatto con te per aiutarti a diventare un network marketer affermato. Tuttavia, questo è stato proprio ciò che mi ha permesso di fare clic nella mia testa e capire che sì ero inconcludente ma non per indolenza, per INESPERIENZA: effettivamente, io non avevo alcuna esperienza nel gestire bene il mio tempo lavorativo in modo totalmente indipendente.

Svolgere un’attività in cui si è liberi di lavorare come, quando e quanto si vuole e da dove si vuole è un’opportunità impagabile, ma se non si hanno buone capacità di autogestione non si cava un ragno dal buco.

Individuata la mia lacuna, mi sono rivolta a un coach professionista in grado di insegnarmi le regole di time management fondamentali per svolgere al meglio un business di network marketing. Quando subentra un problema, un ostacolo, una difficoltà che blocca la nostra crescita personale e, di conseguenza, la crescita del nostro business, è importante affidarci a chi è davvero in grado di aiutarci, e se non è il nostro sponsor può esserlo un altro up-line più esperto o eventualmente un coach esterno.

Ricorda → Se chiedi aiuto lo trovi sempre.

Questa è stata la mia salvezza, prima di scoraggiarmi definitivamente e mandare tutto all’aria.

Nella mia esperienza, quando noi network marketer, part-time o full-time, ci scopriamo non capaci di gestire il nostro tempo, si verificano una o più di una delle seguenti pericolose condizioni:

  1. Ci sovraccarichiamo di impegni al punto di non avere più tempo libero per noi stessi e i nostri cari; arriviamo al punto di non farcela più e delusi dalle aspettative riposte nel business decidiamo di passare a un altro network  o di mollare definitivamente con l’amaro in bocca e l’idea che il network marketing luccica ma non è oro.
  2. Ci sovraccarichiamo di impegni senza assegnare delle priorità e tendiamo a rimandare sempre le attività più difficili, spesso anche inconsciamente, diventando così procrastinatori seriali.
  3. In entrambi i casi saremo di pessimo esempio per i nostri collaboratori che, senza dubbio, commetteranno i nostri stessi errori, si spegnerà il loro entusiasmo e finiranno per lasciarci.

Tutti gli imprenditori di successo padroneggiano la gestione e l’ottimizzazione delle ore lavorative e noi network marketer, imprenditori a tutti gli effetti, dobbiamo imparare il time management per il nostro successo e per quello del nostro team.

Elevarsi non per sovrastare ma per aiutare gli altri a salire. (Amadeus Voldben)

Questa è la prima lezione che ho imparato sulla mia pelle.

Fino a qualche anno fa l’improvvisazione era all’ordine del giorno…

OGGI NEL NETWORK MARKETING
NON C’È PIÙ
POSTO PER I DILETTANTI ALLO SBARAGLIO!

Desidero, quindi, condividere con te 4 regole fondamentali di time management che, grazie al mio coach, sto imparando a mettere in pratica il più possibile.

Ricorda → Per ogni impegno della giornata in agenda, assegna la giusta priorità.

Focus 1: attività che producono guadagno

Concentrati subito sulle attività che producono guadagno e contribuiscono alla crescita del business, tralasciando tutto il resto:

  • marketing off-line: fissare presentazioni di prodotti (eventi o presso clienti vecchi o nuovi)
  • follow-up dei clienti che stanno usando prodotti specifici; fissare presentazioni dell’attività (eventi o presso prospect diretti o della downline)
  • marketing on-line: social media marketing (calendario editoriale), lead generation e on-line advertising
  • follow-up di supporto ai membri del team nuovi o non ancora indipendenti nelle attività sopra descritte

Per queste attività, stabilisci una o più Golden Hour al giorno; in base alla tua scelta di essere un network marketer part-time o full-time, decidi quante ore a settimana vuoi dedicare alle attività che producono guadagno e fissale in agenda prima di ogni altra cosa.

*Gli esperti consigliano di dedicare circa il 40% del tempo lavorativo settimanale.

Golden Hour è un nome che ho scelto per me, ma puoi dare a queste ore il nome che più ti motiva. Mi raccomando, durante le Golden Hour, elimina tutte le distrazioni possibili e dedicati al 100% alle attività che producono guadagno.

Focus 2: attività di formazione team

  • fissare training di gruppo
  • fissare training individuali
  • fissare chiamate/appuntamenti a 3

Queste attività sono molto impegnative in termini di dispendio di tempo ed energie, quindi è fondamentale la chiarezza con i collaboratori: renditi disponibile solo con i membri del tuo team che sono realmente impegnati nella crescita del loro business.

*Gli esperti consigliano di dedicare circa il 40% del tempo lavorativo settimanale.

Focus 3: attività di crescita personale/professionale

Ricorda → O TI FORMI O TI FERMI e se ti fermi tu si ferma anche il tuo business

Stabilisci degli orari in cui leggere libri formativi, partecipare a corsi (on-line e off-line), fare brainstorming e studiare nuove idee e strategie; queste ore includono anche l’eventuale tempo speso in formazione con un mentore o un coach.

*Gli esperti consigliano di dedicare a queste attività circa il 10% del tempo lavorativo settimanale.

Foucs 4: attività logistico-amministrative

  • rispondere alle e-mail
  • prenotare viaggi e spostamento
  • gestione delle entrate
  • eseguire ordini per i clienti

*Gli esperti consigliano di dedicare a queste attività circa il 10% del tempo lavorativo settimanale.

A questo punto, se desideri valutare il tuo livello di capacità di gestione del tempo, prova a fare questo esercizio consigliato dalla coach americana Sonia Stringer e che a suo tempo ho fatto anche io con il mio coach:

scrivi quali sono le attività che svolgi generalmente nell’ambito dei 4 focus che abbiamo appena esaminato e cerca di individuare il più precisamente possibile quante ore a settimana dedichi a queste attività, in modo da renderti conto in cosa stai realmente impegnando il tuo tempo.

Dopodiché, prova a seguire gli insegnamenti che mi sono stati dati e che si stanno rivelando davvero utili per il mio business e, condividi nei commenti i tuoi risultati o semplicemente le tue opinioni.

2 Comments

  1. Grazie Michela! Continua a seguire il blog e se hai degli spunti o dei suggerimenti condividili pure nei commenti.

Leave a Reply